Come aumentare la propria capacità di accesso al credito – OSMTV

Giovedì 28/10 sarò in diretta su OSMTV, la Business Television online di OSM, per un intervento destinato alle PMI e nel corso del quale illustrerò alcuni accorgimenti e le attenzioni che gli imprenditori devono mettere, per poter migliorare il proprio merito creditizio e, quindi, accedere a finanziamenti con maggiore facilità e a condizioni economiche migliori.

Se ti va, ti aspetto online giovedì 28 alle ore 21.00. Puntuale!

(https://www.facebook.com/groups/osmtv)

 

Il caso GM Parte 1 – Quella volta che una bella impresa ha rischiato grosso!

GM (i nomi sono di fantasia, la storia no), è una impresa che opera nel settore della meccanica. Un giorno, primi mesi del 2017, vengono da me due signori, i due soci, presentati da una conoscenza comune mia e di Corrado, uno dei due soci.

Corrado, il socio più anziano, si occupava della parte amministrativa e finanziaria, mentre Marcello pensava esclusivamente a vendere. Il loro problema era che l’azienda non andava bene e non capivano perché: si vendeva ma meno di un tempo; Marcello, demoralizzato, si stava spegnendo e pensava di gettare la spugna; Corrado sembrava combattesse con le banche e con gli insoluti ma senza una strategia; marginalità nulla o negativa; idee per il futuro, nessuna.

E’ stato un incontro lungo e difficile, dove sono emerse alcune riflessioni e ho lanciato alcune provocazioni. Già da subito sono iniziate a emergere alcune differenze tra i soci e alcune divergenze di pensiero. Altre differenze e forti contrasti emersero nelle settimane successive, incluso l’appalesarsi di una serie di manchevolezze, fino al punto che, in Società, rimase solo Marcello. Corrado, quindi, fuori dalla Società e, con lui, le due risorse che presidiavano l’area amministrazione e finanza. Un altro problema!

In quelle settimane, avevo conosciuto e catalogato i principali problemi della GM: nessuna gestione della tesoreria predittiva; nessuna qualità delle rilevazioni; confusione; insoluti fuori misura (e, su alcuni Istituti, con percentuali mai viste); crediti non riscossi; fidi revocati e altri a rientro; nessuna idea delle marginalità; debiti verso fornitori fuori controllo; altro.

In quella confusione totale, Marcello si trova quindi solo, con un’intera area allo sfascio, con le banche che lo stanno aggredendo, fidi revocati da più parti, rientri e i principali fornitori che faticano a continuare a fare credito. Che fare? Intanto, Marcello – che è rispettoso di clienti e fornitori, orientato alla soluzione dei problemi -, dopo un primo momento di sconforto, vede il suo errore: aver lasciato intere parti di azienda interamente nelle mani del socio e non averci messo naso e testa. Ma, immediatamente dopo, inizia a intuire che, forse, questa è anche l’occasione per prendere finalmente in mano le redini della sua azienda e provare a cambiare le cose. Certo, i problemi sono molti e lo stimolo principale di Marcello, ciò che più di ogni altra cosa lo induce ad assumersi la responsabilità e proseguire, è il desiderio, il bisogno, di “sistemare” tutti, di pagare chi deve, soddisfare le banche, non abbandonare i dipendenti. E così un giorno mi chiama, mi dice alcune cose e mi chiede se me la sento di proseguire ad assisterlo nonostante quelle condizioni. Ed ecco che, da allora, sono passati più di tre anni e la collaborazione continua. Ma cosa abbiamo fatto, quali azioni abbiamo intrapreso? Continuiamo il racconto nei prossimi giorni.

Un breve riepilogo di cosa è stato fatto ed è successo fin qui:

I soci si sono trovati davanti alla loro realtà e, la conseguenza, è stata quella di specchiarsi e rivelare a se stessi che così non poteva proseguire. Per quanto doloroso, è stato un momento di verità necessario che ha permesso loro di vedere l’azienda da una prospettiva diversa rispetto a quella che – in fondo, per comodità -, avevano scelto.

Qualcuno ha finalmente preso decisioni gravi e difficili. Ha fatto il “lavoro duro”, quello emozionale, guardando in faccia ciò che faceva paura.

Sono stati analizzati i fatti e individuato ciò che non funzionava. Ho aiutato un imprenditore a trovare fiducia, rialzare la testa, decidere.

Continua a seguirmi e, se ti va, scrivimi: info@claudioarrigoni.it

I tools dell’imprenditore in tempi di coronavirus – 2

Secondo appuntamento con alcuni suggerimenti immediatamente applicabili in questo periodo di grande incertezza.

Intanto, ricordo la moratoria per i finanziamenti. Alcune banche la stanno già proponendo ai loro clienti, altre stanno raccogliendo le dichiarazioni di interesse. Se non l’avete fatto parlatene subito alla vostra banca e verificate con essa l’eventuale effetto che può avere sul vostro rating e sulla classificazione della vostra posizione: se non è una priorità, non preoccupatevene, pensate a trattenere tutta la liquidità di cui potreste avere bisogno. Se invece avete in programma investimenti irrimandabili, parliamone. Su questi aspetti torneremo nei prossimi giorni, anche alla luce dei contenuti del decreto odierno, in corso di pubblicazione.

Se avete linee di credito, affidamenti non utilizzati, è il momento di farlo: il bene più prezioso in questo momento è la liquidità. Quindi se avete linee in stad-by attivatele, se avete tiraggi di mutuo che avete rinviato, chiedetene l’erogazione, se disponete di linee per anticipi su contratti e ne sussistono le condizioni, attivatele. Inoltre, valutate di aprire conti correnti su basi attive, meglio se presso Istituti con i quali non avete rapporti affidati, per veicolarvi parte della liquidità per le prossime settimane e i prossimi mesi (ma cum judicio! Parliamone).

Immagino che molte delle attività rimaste aperte, se non sono direttamente impegnate nella realizzazione e nel commercio di oggetti di prima necessità o destinati in qualche modo a combattere l’epidemia in corso, stiano sperimentando un calo di fatturato. Per le altre, quelle che hanno chiuso, il calo è nei fatti. Non sappiamo se il 3 aprile potremo riaprire e non sappiamo quanto tempo ci vorrà per tornare ad un livello di attività accettabile. Probabilmente alcune attività dovranno cambiare completamente il loro approccio o forse spariranno, mentre altre ne nasceranno (pensiamo alla sanificazione dei locali e degli oggetti). Ma prima del 3 aprile, c’è il 31 marzo, con le scadenze di fine mese! E’ possibile che parte dei vostri clienti abbiano difficoltà a farvi fronte: in questo caso potreste aspettarvi degli insoluti, magari su partite anticipate dalla banca.  Siete in grado di reggerli? E per gli insoluti del 30 aprile? Attenzione al possibile effetto domino. Per questo, mi ripeto, la liquidità è l’elemento da perseguire con la massima determinazione.

Se non vi fosse possibile pagare l’F24 entro il 20 marzo (mi riferisco alla scadenza originaria del 16 marzo e nel caso in cui la tua impresa non sia tra quelle che possono rinviare il pagamento fino al 31 maggio), fate ricorso allo strumento del ravvedimento operoso appena vi sarà possibile.

Se avete cambiali in circolazione che giungeranno all’incasso nei prossimi giorni o settimane, questo è un problema perché, al momento, non risulta alcunché a questo riguardo. Quindi – se ipotizzate difficoltà nel coprire quell’esborso -, la cosa da fare è cercare di negoziare da subito con il creditore uno spostamento della data di incasso. Lo stesso se avete degli assegni in circolazione (si lo so, gli assegni post-datati non esistono per definizione).

Torno un istante sul tema del fine mese, degli incassi attesi e dei pagamenti ai vostri fornitori: gestite bene questa fase. Iniziate col chiamare i vostri clienti e cercate di capire quali intenzioni e quali possibilità hanno di rispettare le scadenze dei vostri crediti. Quindi fate i conti euro per euro e cercate di capire di quante risorse potete disporre e quanti e quali siano i vostri impegni; classificateli e se avete situazioni che ritenente di non potere sostenere, iniziate da subito ad avvertire i vostri fornitori o creditori e trovate con loro una soluzione condivisa.

Per quanto riguarda la liquidità di Stato (almeno quanto sembra emergere dal decreto in attesa per oggi 16 marzo), poca cosa (salvo la parte che riguarda il blocco degli affidamenti e delle scadenze). Ci torneremo nei prossimi giorni.

Dal lato dei costi del personale, verificate se vi è possibile accedere alla cassa integrazione in deroga, qualora sia necessario o si prolunghi il fermo delle attività oltre il periodo di consumo di eventuali ferie accumulate (ma come sapete bene, anche se il dipendente è in ferie lo stipendio glielo dovete e, per questo, vi serve la liquidità).

Questo per ora. Nelle prossime ore approfondiremo il decreto varato oggi dal Governo.

Per approfondimenti scrivetemi a info@direzioneafc.com oppure a info@claudioarrigoni.it

 

 

 

I tools dell’imprenditore in tempo di Coronavirus: la moratoria sui finanziamenti

Mi sembra doveroso, in questo momento, non far mancare alcuni suggerimenti pratici agli imprenditori: strumenti di immediato utilizzo, applicabili in questo momento di grande incertezza e turbolenza.

Non sappiamo quanto durerà e quanto tempo ci vorrà perché l’economia possa riprendersi, per questo – per quanto possibile – attrezziamoci.

Il tema principale è quello della cassa: torneremo a parlare di questo, intanto parliamo di moratoria e degli altri contenuti del recente accordo Abi/Associazioni di Categoria.

In sostanza, vengono ampliate le possibilità di accesso alla moratoria su mutui e leasing contratti dalle PMI con il sistema bancario.

C’è tempo fino a dicembre 2020 ma il consiglio è di muoversi immediatamente per richiedere :

  • La sospensione fino a 12 mesi del pagamento della quota capitale di mutui e leasing già in essere al 31 gennaio 2020;
  • L’allungamento del finanziamento fino al 100% della durata residua al momento della domanda (con il massimo di 20 anni per i mutui ipotecari e 10 anni per i chirografari)
  • L’allungamento fino a 270 giorni delle scadenze previste per i finanziamenti a breve
  • l’allungamento fino a 120 delle scadenze per il credito agrario di conduzione.

Attenzione, non esistono automatismi, cioè la banca non è obbligata a concedere la moratoria e ogni caso sarà valutato a se, per questo prima si fa la domanda prima si avrà la risposta (l’accordo contiene la raccomandazione che la risposta venga fornita entro 30 giorni, ma la tempistica sarà da verificare in effettivo)

Se il finanziamento o il leasing presenta rate scadute da non più di 90 giorni è possibile comunque chiedere la moratoria, includendo anche tali rate. Non devono essere state richieste moratorie o rimodulazioni negli ultimi 24 mesi.

Se il finanziamento è assistito da garanzie (es. Enti di Garanzia) è necessario che la durata di queste venga estesa al pari di quella del finanziamento, mentre sarà automatica l’estensione della garanzia eventualmente concessa dal Fondo Centrale.

Di particolare interesse la possibilità di allungamento delle scadenze a breve termine: si tratta degli anticipi su fatture e di smobilizzo di ricevute o effetti SBF (non è prevista analoga facilitazione per gli anticipi su contratti e su importazioni). Attenzione: si tratta di un allungamento della scadenza, non di aumento del fido che, pertanto, rimane impegnato e non consentirà la presentazione di nuove fatture o Ri.ba.

L’allungamento non è automatico ma dovrà essere richiesto fattura per fattura o ricevuta per ricevuta e il credito dovrà essere certo ed esigibile. La banca potrà chiedere un diverso tasso così come un’aggiornamento delle garanzie concesse.

Infine, tenete presente che – a prescindere da quanto previsto nell’accordo ABI/Associazioni di categoria, con la Banca si può sempre cercare di trovare accordi diversi su argomenti specifici, per cui parlatene con la Vostra Banca o scrivetemi per una collaborazione: info@claudioarrigoni.it.

#andratuttobene #molamia

BCE: in Europa troppe banche. E quindi?

“Personalmente credo in Europa ci siano troppe banche”. Cosi si è espresso il presidente del Consiglio di vigilanza della Bce Andrea Enria in una intervista concessa a SKY.

Un’affermazione che dovrebbe interessare molte imprese e imprenditori che fanno ricorso al credito bancario per sostenere i propri investimenti e il proprio circolante. Crediamo, infatti, che chi fa impresa da qualche tempo abbia già avuto modo di sperimentare l’effetto delle concentrazioni bancarie sui propri affidamenti: molto raramente, e solo per imprese con tutti “i numeri” a posto, l’ammontare complessivo degli affidamenti è rimasto lo stesso. Più frequentemente, invece, è successo che – di colpo o gradatamente – nelle situazioni in cui due o più banche fuse assistevano la stessa impresa, questa si sia trovata a dover affrontare una riduzione degli affidamenti.  Le conseguenze possono essere diverse ma, quasi in ogni caso, gli scompensi si sentono.

In sostanza, la politica di disintermediazione continua e si accentuerà in un futuro ormai prossimo. E quindi? Quindi bisogna che gli imprenditori comincino a pensare di poter fare a meno delle Banche, almeno per come le abbiamo storicamente conosciute. E la ricetta non è una sola e deve essere personalizzata per ogni diversa realtà. Si tratta di avviare un percorso che coinvolge molti fattori e va avviato al più presto.

Se vuoi approfondire, scrivi e chiedi un colloquio gratuito: info@claudioarrigoni.it

Le principali agevolazioni per le imprese lombarde

Le vacanze sono terminate, è tempo di tornare a programmare il futuro delle nostre aziende. Ecco che può quindi essere utile un riepilogo delle principali agevolazioni alle quali accedere in questo periodo (di seguito le principali agevolazioni disponibili per le imprese Lombarde).

VOUCHER DIGITALE

Destinato alle PMI, finanzia gli investimenti in attrezzature tecnologiche, software, la formazione e la consulenza, il tutto finalizzato all’adozione di tecnologie 4.0.
L’importo massimo del voucher è di 15 mila euro anche se varia in base alle diverse CCIAA di competenza tra il 50% e il 70% delle spese ammissibili.

Le scadenze per la presentazione della domanda sono diverse, anche in questo caso, in base alla CCIAA di competenza: Bergamo entro il 15/10/18, Brescia entro il 18/09/2018, Como, Lecco, Sondrio e Cremona entro il 31/10/2018, Mantova entro il 31/12/2018, Milano Monza Brianza Lodi entro il 28/09/2018, Varese entro il 29/10/2018.

AL VIA 

Destinato alle PMI del settore manifatturiero, servizi e artigianato, finanzia nuovi investimenti in macchinari, impianti, attrezzature, arredi; sistemi gestionali integrati; marchi, brevetti e licenze; opere murarie.

Le agevolazioni sono diverse, inclusa la possibilità di accedere ad un fondo perduto in misura variabile in base a delle condizioni e, comunque, fino a un massimo del 15%, oltre a un finanziamento a tasso agevolato e la concessione di garanzia.

STORE EVOLUTION 

Riservato alle PMI del commercio della Lombardia, finanzia l’ammodernamento e la digitalizzazione dei negozi. L’investimento minimo deve essere di 10 mila euro e consente di ottenere un contributo fino al  50% delle spese ammissibili, con un massimo di 20 mila euro.
Aprirà il 10 settembre fino all’8 ottobre.

NUOVA SABATINI 

Destinato alle PMI, favorisce l’acquisto, anche in leasing, di macchinari, attrezzature, impianti (solo nuovi), oltre ad hardware e software.

Prevede un contributo in conto interessi sul finanziamento di durata quinquennale pari al 2,75%, maggiorato al 3,575% per alcune tipologie di beni.

IPERAMMORTAMENTO 

Aperto a tutte le imprese (non solo alle PMI), premia fiscalmente l’acquisto, anche in leasing, di beni rientranti nell’ambito Industria 4.0, consentendo di ammortizzare un valore pari al 250% del costo di acquisto del bene (140% nel caso di software e altri beni immateriali).

FINANZIAMENTI SIMEST

Valido per tutte le imprese, finanzia diverse tipologie di interventi nell’ambito dell’internazionalizzazione. Per un approfondimento vedi al seguente link http://www.claudioarrigoni.it/2018/03/05/finanziamenti-per-linternazionalizzazione/

CREDITO IMPOSTA RICERCA 

Interessa tutte le tipologie di imprese e consiste in un credito di imposta che può arrivare al 50% delle spese di ricerca e sviluppo incrementali. Si tratta quindi di un incentivo automatico, disponibile fino al 31 dicembre 2020.

LINEA INNOVAZIONE 

Destinato alle PMI e alle Midcap, purché con un organico inferiore a 3.000 dipendenti, fornisce un beneficio a progetti di innovazione di prodotto e/o di processo, con un finanziamento fino al 100% delle spese oltre a un contributo a fondo perduto a valere sul costo del finanziamento.

SME INSTRUMENT 

Contributi dalla UE destinati alle PMI a sostegno di progetti di fattibilità e di sviluppo di prodotti, prototipi, test nell’ambito dell’innovazione che possano portare ricadute significative sul mercato.
Prevede un contributo a fondo perduto fino a 50 mila euro per lo studio di fattibilità (fase 1) e fino a 2,5 milioni di euro per la realizzazione del progetto (fase 2).

Le prossime scadenze per la fase 1 sono il 5 settembre e il 7 novembre mentre per la fase 2 la scadenza è al 10 ottobre.

BONUS FORMAZIONE 4.0

Aperto a tutte le imprese, è un incentivo automatico a sostegno delle attività di formazione sul tema Industria 4.0. Prevede un credito di imposta pari al 40% delle spese ammissibili, per un massimo di 300 mila euro.

CREDITO DI IMPOSTA PER LA PUBBLICITÀ

Aperto a tutte le imprese e lavoratori autonomi, consente di beneficiare di un credito d’imposta del 75% (elevabile al 90% per PMI e start-up innovative) degli investimenti in campagne pubblicitarie. Il beneficio non è assicurato in quanto potrebbe esserci un riparto.
Le domande si possono presentare dal 22 settembre al 22 ottobre 2018 e riguardano gli investimenti compiuti dal 24/6/2017.

Vi è inoltre la possibilità di accedere ad altri bandi più specifici o minori.

Se sei interessato ad approfondire, scrivimi a info@claudioarrigoni.it

Un business angel per la tua start-up?

Un recente incontro con Paolo Anselmo, Presidente dell’Italian Business Angels Network Association (IBAN), promosso da Bergamo Sviluppo,  offre l’occasione per una panoramica sul tema dei business angelsin Italia (altri network di business angels presenti in Italia sono Italian Angels for Growth, Custodi di Successo, Angel Partner Group e altri).

Chi è un business angel? E’ un investitore informale in capitale di rischio, una persona fisica – da non confondere quindi con altre tipologie di investitori -, che investe risorse proprie e non di terzi. Può investire da solo o in sindacato con altri business angels, al fine di ottimizzare l’importo investito da ciascuno ma giungendo comunque all’importo complessivo necessario all’investimento, consentendo così di diversificare gli ambiti di intervento.

Normalmente ha esperienza nella conduzione di imprese e dispone di mezzi propri oltre a un buon bagaglio di conoscenze. Insomma, tutte risorse che possono risultare molto utili a chi inizia ad intraprendere e ha la necessità di competenze per impostare e condurre una impresa, risorse monetarie e conoscenze di persone che possono essere d’aiuto nei vari ambiti.

La maggior parte dei business angels è maschio (solo 1 su 5 è donna), ex manager o imprenditore, in due casi su tre è laureato, investe solo una piccola parte delle proprie disponibilità monetarie in relativamente poche aziende per volta, così da poterle seguire da vicino.

Quando investe in una start-up, il business angel si aspetta di trovare una controparte seria, competente, con un team affiatato, una visione chiara e, naturalmente, un progetto realmente innovativo.

Interviene generalmente in fase di early stage (cioè nelle prime fasi di avvio dell’impresa) e l’ammontare dell’investimento può essere molto contenuto, se sostenuto in sindacato (anche solo 10 mila euro per ogni investitore) e giungere fino a 100 o 200 mila euro.

I settori preferiti sono quelli ad alto potenziale: life science, tech, energy, fintech, biotech, elettromedicale, A.I., ecc.

E’ facile ottenere il sostegno di un business angel? Sembra di no, o meglio, la selezione è molto attenta. Da alcune osservazioni emerge che ogni 100 proposte, solo 20 circa vengono prese in considerazione e di queste solo poche unità accedono alle successive verifiche e ottengono il capitale, non sempre nella misura richiesta.

Insomma, quella del business angel è una opportunità concreta, ma anche in questo caso, è il merito che fa la differenza.

Se vuoi approfondire, scrivimi a info@claudioarrigoni.it

Nuovi affidamenti e rinnovi: la tua impresa è pronta?

E’ arrivato il momento della revisione delle posizioni bancarie. Con l’approvazione dei bilanci 2017, tutto gli imprenditori o i direttori e responsabili amministrativi e finanziari riceveranno la chiamata dal loro gestore imprese che chiede il bilancio 2017 e, “se fosse disponibile”, una situazione provvisoria del 2018, insieme a tutta una serie di altra documentazione (ne abbiamo parlato altrove).

Nulla di nuovo se non che, questa volta, le banche devono fare i conti con il nuovo principio contabile internazionale identificato come Ifrs 9 (Ifrs è un acronimo che sta per International Financial Reporting Standard) il nuovo principio contabile che, si ritiene, avrà grande impatto in materia di valutazione del rischio di credito e, conseguentemente, in materia di accantonamenti per rischi di perdite sui crediti da parte delle banche.

L’obiettivo di questo nuovo approccio è quello di arrivare ad un più tempestivo riconoscimento delle perdite attese, per le banche, al fine di rafforzare la fiducia degli investitori nei bilanci delle banche stesse. Affinché  questo accada, è necessario che queste ultime, analizzino in modo diverso e più rigoroso i loro crediti, e l’elemento qualificante (per le banche e, di conseguenza per le imprese) sono il cash flow e il modello di business.

Diciamo che è una nuova ed ulteriore tappa del processo già in atto da diversi anni, che vede le banche e le imprese misurarsi con il proprio rating. Questa volta però, potremmo assistere ad una ulteriore accelerazione che potrebbe portare – per le imprese meno “attrezzate” – ad ulteriori difficoltà e a maggiori costi per interessi ed oneri.

Infatti, questo maggior rigore richiesto alle banche nella classificazione dei propri assets, si riverbera, automaticamente, in un maggior rigore nell’assunzione dei rischi verso le aziende e verso gli strumenti finanziari oltre che nel mantenimento di posizioni che presentano possibilità di perdite elevate, in quanto le banche sono chiamate ad operare valutazioni più stringenti e provvedere ad accantonamenti e svalutazioni importanti a fronte di rischi anche solo potenziali.

Ormai tutti sappiamo che minore è la rischiosità dell’impresa, migliore è il rating che le viene attribuito, maggiori le possibilità di ottenere credito a condizioni economiche vantaggiose. Viceversa, maggiore è il rischio calcolato, peggiore il rating, minori le possibilità di ottenere finanza e penalizzanti le condizioni applicate, proprio per compensare la banca dai costi conseguenti ai maggiori accantonamenti che è chiamata ad operare. Questo almeno fin’ora. Da domani, è possibile che le posizioni che presentano maggiori gradi di rischio vengano dismesse (poste a rientro) e non più assunte.

Le imprese che ancora non si sono attrezzate, si preparino quindi ad una stagione di turbolenza e ne approfittino per uscirne migliorate, ordinate, e in linea con le attese dei mercati. Per fare questo c’è bisogno di avviare un percorso di analisi e di miglioramento, ingaggiando risorse specializzate che possano fornire la direzione e aiutare nella conduzione.

Se vuoi approfondire, verificare la tua posizione o essere assistito in questo percorso, scrivimi a info@claudioarrigoni.it. Parliamone insieme.

COME TI VALUTA LA TUA BANCA? 8: IL BUSINESS PLAN

Abbiamo visto negli scorsi contributi, alcuni degli elementi che devi conoscere e tenere ben presente per poter intervenire, nel tempo, e ottimizzare. Abbiamo parlato del conto economico, dello stato patrimoniale, del rendiconto finanziario, dei principali elementi e degli indicatori che puoi facilmente desumere. Abbiamo anche parlato del rischio di credito, che non è l’unico rischio imprenditoriale ma, sicuramente, almeno ai nostri fini, uno di quelli da gestire con maggiore attenzione.

Proseguiamo quindi in questo piccolo viaggio fatto di pillole che, se prese con regolarità, possono migliorare l’aspetto della nostra impresa e il modo di presentarci ai nostri interlocutori, bancari e non solo.

Iniziamo oggi a parlare di business plan, tracciando alcune linee che riprenderemo in seguito con degli interventi specifici.

Di questo argomento ne è piena la letteratura e internet contiene molti suggerimenti, esempi, raccomandazioni, schemi, offerte di software, e di tutto ciò che vuoi. Adesso aggiungiamo questo contributo che, tuttavia, ha lo scopo di semplificarti la vita, fornendoti indicazione su cosa è essenziale.

Intanto cominciamo col dire che esistono diverse motivazioni che spingono o suggeriscono la redazione di un business plan e i contenuti, o parte di questi, possono essere più o meno messi in luce in funzione degli obiettivi per cui ci si accinge a questo lavoro. Mi spiego meglio: se si è in presenza di una start-up, allora dovranno essere molto ben definiti tutti gli aspetti legati all’idea di business, agli strumenti, ai tempi, alle risorse, e così via; viceversa, se si è in presenza di un’azienda già avviata, ci potrebbero essere motivazioni diverse, ad esempio operazioni straordinarie, l’introduzione di nuovi prodotti o servizi, la necessità di nuovi investimenti, l’incontro con un nuovo partner finanziario, l’ingresso in un nuovo mercato oppure l’arrivo di un competitor, e così via. Insomma, circostanze diverse richiedono approfondimenti diversi, ma un elemento è necessario in tutti i casi: una accurata e credibile programmazione economica e finanziaria. E’ necessaria, anche se non sufficiente, sia che ti stia preparando a una richiesta di credito sia che il credito ce l’abbia già e devi, però, cercare di mantenerlo.

L’equilibrio finanziario tra gli impieghi (per cosa usi il denaro) e le fonti (da dove proviene e con quali termini) e l’equilibrio monetario tra entrate e uscite di cassa sono essenziali e vanno indagati e programmati, sia nel medio periodo (3/5 anni) che nel breve (1 anno). La pianificazione di breve periodo va poi ulteriormente sezionata in previsioni di cassa infrannuali, al massimo con periodicità mensile, con il budget di cassa, che riepiloga tutte le previsioni di incasso e di pagamento. Nel budget di cassa vanno evidenziati eventuali deficit di cassa e vanno individuate le necessarie coperture, determinando quali forme tecniche sono più appropriate per soddisfare il fabbisogno di liquidità. Come per tutti i budget, va poi fatta la verifica a consuntivo, determinando gli scostamenti intervenuti e indagandone le cause, così da poter migliorare la previsione per il periodo successivo. Questo è il minimo che deve accompagnare una normale presentazione alla tua banca, nel caso di rapporti già in essere e quando non ti sia necessario chiedere ulteriori affidamenti o un nuovo finanziamento.

Se invece stai per fare un investimento o sei in una delle situazioni che abbiamo accennato poco sopra, e per le quali ti è necessario chiedere ulteriore finanza, allora il livello di approfondimento deve essere maggiore. Senza la pretesa di esaurire qui l’argomento del business plan, considera che devi prepararti a ragionare e descrivere i seguenti aspetti:

  • La tua azienda, la tua storia, anche se già conosciuta;
  • I punti di forza, i successi che hai raccolto, i valori economici, patrimoniali e finanziari che hai già conseguito negli ultimi anni;
  • Qual è il tuo nuovo obiettivo, a cosa stai puntando, in quali tempi; che valore aggiunto ti porterà, quali e quante risorse richiede; di quali e quante risorse già disponi e quali e quante devi trovare; dove e come intendi trovarle;
  • Quale prodotto, servizio o mercato; con quali strategie commerciali e quale organizzazione produttiva e aziendale;
  • Chi è il tuo cliente, che esigenze ha, quanti sono e dove sono e, soprattutto, perché dovrebbero servirsi da te;
  • Quali studi e ricerche hai bisogno o quali hai già condotto ed ora intendi mettere a frutto; hai dei brevetti, del know-how, delle competenze esclusive? Descrivile e spiega come ti permetteranno di raggiungere il tuo nuovo obiettivo;
  • Chi sono i tuoi concorrenti, attuali e futuri; quali le caratteristiche del tuo prodotto o servizio e quali quelle dei tuoi concorrenti (benchmarking); come intendi competere sul mercato;
  • Quali i mercati di approvvigionamento, quale il tuo potere contrattuale;
  • Quali le difficoltà di ingresso, eventuali limiti o barriere da superare e come;
  • A questo punto, trasforma tutto questo in previsioni economiche e monetarie, dimostra la sostenibilità della tua idea nel lungo periodo; indaga e descrivi i costi fissi e quelli variabili, gli investimenti, il periodo di rientro, il punto di pareggio; individua le modalità di copertura del fabbisogno, prevedi i flussi di cassa, dimostra al tuo interlocutore che gli stai offrendo un’opportunità!

Approfondiremo questi aspetti quando descriveremo con maggiore dettaglio come si costruisce un business plan. Intanto è importante che tu cominci a pensare in questi termini dentro la tua azienda e, se già non l’hai fatto, inizia a mettere a fuoco gli aspetti che ti ho descritto. Ti servirà.

Nel frattempo, se hai necessità di un approfondimento o se vuoi sottopormi la tua idea di business e, magari, condividere alcuni aspetti e modalità di rappresentazione del tuo caso, scrivimi a claudio@claudioarrigoni.it. Un caro saluto.